I vigili del fuoco inglesi omaggiano l’Italia e cantano “Bella ciao” VIDEO

 I vigili del fuoco inglesi omaggiano l’Italia e cantano “Bella ciao” VIDEO

Un omaggio sentito e particolarmente apprezzato, quello che i vigili del fuoco inglesi hanno mandato all’Italia attraverso un video su You Tube.

Si apre con poche ma sincere parole il video che i pompieri inglesi hanno girato per ringraziare gli operatori sanitari e i vigili del fuoco italiani.

Vigili del Fuoco

“Fratelli e sorelle italiani, questo è un breve messaggio da parte dei vigili del fuoco e degli operatori della Fire Brigades Union. La famiglia dei vigili del fuoco è una famiglia senza confini, e in questo momento molto difficile vi inviamo forza, speranza e amore. A tutti i pompieri e gli operatori sanitari che stanno lavorando in prima linea. Siate forti, prendetevi cura di voi e della nostra comunità. Rimanete uniti”.

E poi subito dopo intonano “Bella ciao“, prima la musica e poi le parole del canto popolare italiano simbolo della Resistenza.

In fila e schierati, ma anche da soli o in compagnia dei propri figli. Il video è composto da singoli spezzoni che ritraggono gli uomini e le donne in forza ai vigili del fuoco britannici, intenti a cantare una canzone di speranza e di coraggio.

Vigili del Fuoco

Il video è un messaggio di solidarietà all’Italia che è fra i Paesi più colpiti dall’emergenza coronavirus. E che per settimane ha fatto i conti con i numeri spaventosi causati da una pandemia che non ha lasciato scampo a migliaia di persone.

In un momento così difficile vedere l’affetto e la solidarietà di persone lontane, ma mai così vicine, ha fatto bene al cuore di moltissimi italiani.

E anche la scelta della canzone, che parla di forza e di orgoglio, risulta  particolarmente apprezzata perché ben rappresenta il popolo italiano. Che con fatica, riuscirà sicuramente a rialzarsi da questa emergenza che lo ha messo in ginocchio.

Di seguito il video amatoriale che i vigili del fuoco inglesi hanno dedicato all’Italia.

ALTRE NOTIZIE COLLEGATE:

 

Edoardo Ciotola

Related post