“Violati i miei diritti”: ha 4 figli con la sorella, condannato per incesto

 “Violati i miei diritti”: ha 4 figli con la sorella, condannato per incesto

Patrick Stuebing, 44 anni, e sua moglie Susan Karolewski, 37enne di Lipsia, non intendono arrendersi: entrambi hanno promesso che continueranno a battersi fino a quando le leggi che rendono illegale l’incesto non verranno rimosse.

La storia d’amore tra Patrick e Susan ebbe inizio quasi 25 anni fa, quando l’uomo, che all’epoca aveva 20 anni, riuscì a rintracciare la sua famiglia naturale. Stuebing decise quindi di trasferirsi a casa della madre biologica, conoscendo per la prima volta i suoi fratelli. Era stato il tribunale per i minori a toglierlo dalla custodia dei genitori naturali, a soli 3 anni, dopo aver subito diverse sevizie dal padre alcolizzato. Qualche mese dopo il suo “ritorno” a casa, Patrick e Susan iniziarono ad andare a letto insieme.

La coppia, che ha difeso a lungo la loro relazione, ha avuto quattro figli tra il 2001 e il 2005, due dei quali disabili: “Non ci sentiamo in colpa per quello che è successo tra noi. E desideriamo che la legge che rende l’incesto un crimine venga abolita” aveva affermato Patrick difendendosi dalle accuse.

Susan nel corso di alcune interviste aveva raccontato di aver avuto un’infazia molto difficile a causa dei suoi genitori. Sua madre la faceva sentire indesiderata e non amata e non poteva contare sugli altri 6 fratelli. Uno fu investito quando aveva appena 7 anni. Mentre due delle sue sorelle sono morte durante l’infanzia a causa di alcune malattie genetiche.  Quando Patrick tornò a casa, Susan iniziò a fare sempre più affidamento su di lui fino a quando non scoccò qualcosa: “Restavamo svegli fino a tarda notte a parlare dei nostri sogni, delle nostre speranze. Quando nostra madre morì 6 mesi dopo, quella fiducia diventò amore” ha spiegato Susan.

“Mi sono trovato a fare da capofamiglia e allo stesso tempo dovevo proteggere mia sorella. Lei è estremamente sensibile, ma ci siamo aiutati a vicenda durante quel periodo molto difficile. Alla fine quel rapporto è diventato fisico. Quando abbiamo iniziato non sapevamo neanche che stavamo facendo qualcosa di sbagliato” ha insistito Patrick.

I due affermarono nel corso della prima udiensa di aver avuto diversi rapporti, senza quasi mai usare anticontraccettivi: “Nostra madre non avrebbe approvato, ma dovremmo essere noi gli unici giudici di noi stessi”.

Susan aveva appena 16 anni quando diede alla luce il suo primo figlio, Erick che oggi ha 20 anni e riesce a malapena a muoversi o a parlare. Anche sua sorella Sarah, che ora ha 19 anni, soffre di disabilità simili.

Dopo che la loro storia venne alla luce, i servizi sociali tedeschi decisero di intervenire. Nel 2002 i due vennero condannati per incesto. Patrick ha scontato un anno di carcere mentre Susan, che all’epoca era ancora minorenne, fu affidata ai servizi sociali. Nel frattempo, tuttavia, i due continuarono ad avere rapporti.

Susan riuscì infatti a portare avanti due gravidanze nascondendo il pancione sotto gli abiti larghi e partorendo nella vasca da bagno di casa. E qualche tempo dopo diede alla luce Nancy e Sophia, rispettivamente di 18 e 17 anni. A quel punto Stuebling è stato condannato a altri 2 anni mezzo di carcere. L’uomo decise anche di fare la vasectomia nell’errata convinzione che se non avesse più avuto figli con sua sorella avrebbe evitato il carcere.

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

....

Articoli correlati