Vince l’argento a Tokyo e mette la medaglia all’asta per salvare un bimbo di 8 mesi

 Vince l’argento a Tokyo e mette la medaglia all’asta per salvare un bimbo di 8 mesi

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 hanno regalato grandi emozioni agli appassionati di sport, anche per ciò che è successo al di fuori delle competizioni sportive.

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 (o 2021? ai posteri l’ardua sentenza…) hanno regalato grandi emozioni agli appassionati di sport di tutto il mondo. Non solo per quello che è successo durante le competizioni sportive.

La storia positiva (extra sportiva) di Tokyo 2020

Nelle ultime ore, infatti, molti utenti dei social stanno lasciando commenti di supporto e congratulazioni a Maria Andrejczyk, un’atleta polacca.

La 25enne è riuscita infatti a conquistare una medaglia d’argento nella disciplina del lancio del giavellotto. Il secondo posto è frutto del lancio di 64.61 metri effettuato nella giornata finale delle Olimpiadi giapponesi.

Migliore della sua è stata soltando la performance della cinese Liu Shiying, riuscita ad arrivare a ben 66.34 metri. Pochi giorni dopo la conquista del trofeo, l’atleta polacca ha fatto ritorno in patria.

Qui ha deciso di partecipare – attivamente – per la prima volta nella sua vita ad una raccolta fondi per una buona causa. Un bambino polacco di otto mesi, infatti, aveva bisogno di diverse decine di migliaia di euro per sottoporsi a un delicatissimo intervento chirurgico al cuore negli Stati Uniti d’America che la sua famiglia non riusciva a pagare per intero.

CONTINUA NELLA PAGINA SUCCESSIVA

Edoardo Ciotola

Related post