“Se fai scuola in Italia, lì impari lingua e coltivi i primi sogni sei italiano di diritto”

 “Se fai scuola in Italia, lì impari lingua e coltivi i primi sogni sei italiano di diritto”

“Non capisco che problema ci sia: se sei cresciuto in una scuola in Italia, lì hai imparato la lingua; hai acquisito conoscenza; hai cominciato a costruire e la tua persona e a coltivare i tuoi sogni. Dovresti essere considerato automaticamente italiano”. A parlare è la cantante Epoque, torinese di origini congolesi che nel corso di un’intervista rilasciata a La Stampa ha commentato la riforma di legge sulla cittadinanza che introduce lo Ius Scholae nel nostro ordinamento.

L’artista, fresca di uscita con il suo nuovo singolo “Tout va bien”, è una delle tante voci che stanno fortemente chiedendo il riconoscimento della cittadinanza italiana per i giovani con background migratorio (nati in Italia o arrivati prima dei 12 anni) che abbiano frequentato regolarmente 5 anni di studio nel nostro Paese, in uno o più cicli scolastici. Provvedimento che rischia di saltare insieme a molti altri a causa della crisi di governo formatasi nelle ultime settimane.

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

....

Articoli correlati