Caso Cazzaniga, Pamela Prati: “A lui hanno creduto, a me no. Ho pensato al suicidio”

 Caso Cazzaniga, Pamela Prati: “A lui hanno creduto, a me no. Ho pensato al suicidio”

Sono passati oltre due anni dallo scandalo Mark Caltagirone, ma il suo nome continua a vivere nell’immaginario collettivo. Il finto promesso sposo di Pamela Prati tenne banco per mesi nei salotti tv italiani e non sempre il caso è stato trattato con la giusta sensibilità. La showgirl, dopo aver difeso per mesi la sua esistenza, sostenendo tra l’altro che nel maggio 2019 si sarebbero sposati e avrebbero adottato due bambini, alla fine puntò il dito contro le sue ex manager Michelazzo Eliana e Pamela Perricciolo. La Prati sostenne che erano state loro a plagiarla, facendole credere che quel fidanzato perfetto esisteva veramente.

All’epoca, però, in tanti dubitarono dell’onestà della showgirl, sostenendo che Mark Caltagirone fosse solo una trovata per rilanciare la sua carriera. Pamela, da allora, ha scelto di non parlarne più.

Poi, però, qualche giorno fa è esploso uno scandalo molto simile, o addirittura anche più incredibile: l’ex nazionale di pallavolo Roberto Cazzaniga ha finalmente preso coscienza che la modella con la quale aveva iniziato una relazione a distanza da oltre 15 anni, in realtà non esisteva e che era stato vittima di una clamorosa truffa. La donna che impersonava Maya, facendo leva sulla debolezza, la solitudine e i sentimenti dell’atleta, gli ha sottratto negli anni oltre 700mila euro, facendolo finire sul lastrico.

Dopo aver osservato per giorni la reazione dell’opinione pubblica sulla vicenda, Pamela Prati è tornata a parlare di Mark Caltagirone, sostenendo di essere stata vittima di una truffa simile a quella subita da Cazzaniga, ma di non aver ricevuto lo stesso supporto:

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

....

Articoli correlati