Calcio femminile, al settimo mese di gravidanza riceve rinnovo del contratto

 Calcio femminile, al settimo mese di gravidanza riceve rinnovo del contratto

Alice Pignagnoli, portiere del Cesena femminile, ha ottenuto il rinnovo del contratto nonostante fosse incinta, alle stesse condizioni di prima. “Nonostante” perchè in Italia, così come nella maggior parte del mondo, i contratti lavorativi non tutelano le atlete in caso di gravidanza, lasciando alle singole società sportive il libero arbitrio.

La Pignagnoli stessa, dopo aver scoperto di aspettare un bambino, aveva iniziato a temere di restare senza contratto. E a 33 anni, con un figlio in arrivo, non sarebbe stata una situazione facile da gestire.

“Ho scoperto di essere incinta dopo essere svenuta in campo in seguito a uno scontro di gioco. Ero già di sei settimane” ha raccontato l’atleta a La Repubblica, rivelando di aver immediatamente avvertito la team manager Emanuela Vincenzi comunicandole – in lacrime – di essere in dolce attesa.

Il Cesena decise quindi di contattare la federazione per capire come procedere, ma non esiste un articolo che regolamenti la maternità. In questi casi la prassi vuole che il contratto venga.
E così è stato, in effetti. La società, tuttavia, aveva risolto il contratto dietro la promessa che quella non sarebbe stata la fine del rapporto ma solo una pausa per permetterle di rientrare quando sarei stata pronta:

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA (+VIDEO)

autore02

Related post