Barbara Gallavotti, biologa: “L’omosessualità è prevista da natura ed evoluzione”

 Barbara Gallavotti, biologa: “L’omosessualità è prevista da natura ed evoluzione”

“Sono contro natura i gay?”. Con questa domanda provocatoria, il giornalista Giovanni Floris ha introdotto, nel corso dell’ultima puntata di DiMartedì, l’intervento della biologa Barbara Gallavotti che ha fornito alcune spiegazioni scientifiche sul perchè l’omosessualità non può essere considerata innaturale.

“A parte che io ho un problema iniziale a pensare che gli esseri umani devono adeguarsi a qualcosa considerato “naturale” visto che noi stiamo facendo qualcosa di terribilmente innaturale. Per esempio non ho mai visto una diretta televisiva fatta da una specie diversa.” esordisce l’esperta.

“Per quanto riguarda l’omosessualità, però, questo problema non c’è perchè è prevista dalla natura e dall’evoluzione, tant’è che è estremamente diffusa”.

La Gallavotti ha sottolineato come per esempio ci siano qualcosa come 1500 specie diverse nelle quali si sono osservati comportamenti omosessuali: “E stiamo parlando dal moscerino della frutta a diverse specie di mammiferi, quindi c’è tutta la gamma”.

La biologa ha chiarito che per comportamenti omosessuali si intende l’incidenza sia di coppie stabili nel tempo sia di coppie temporanee. Ma anche coppie dello stesso sesso che si formano per allevare la prole ottenuta con l’aiuto di un’esemplare femmina. Addirittura ci sono animali in natura che cambiano spontaneamente sesso nel corso della propria vita.

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

Related post