Alberto Genovese chiede scarcerazione e arresti domiciliari per disintossicarsi

 Alberto Genovese chiede scarcerazione e arresti domiciliari per disintossicarsi

Alberto Genovese potrebbe presto uscire dal carcere. L’imprenditore, accusato di aver drogato e violentato una 18enne nel suo attico a Milano, ha infatti chiesto la scarcerazione e gli arresti domiciliari in una struttura, dove potersi disintossicare. I difensori dell’uomo, in carcere dallo scorso 6 novembre  hanno presentato istanza ai pm milanesi per un primo parere. A decidere sarà il GIP.

Secondo quanto riferito dall’Ansa, i legali di Genovese sostengono che il loro assistito ha dato segni di forte depressione e avrebbe manifestato “problemi psicologici” causati dalla detenzione e dalla sua dipendenza da cocaina.

L’imprenditore del resto ha menzionato più volte, nel corso degli interrogatori, che la cocaina gli faceva perdere spesso il controllo e la capacità di distinguere  il confine tra “legalità e illegalità”.

Se la sua richiesta dovesse essere accolta, l’imprenditore potrebbe dunque uscire dal carcere di San Vittore per andare ai domiciliari alla clinica “Le Betulle” di Como, nota per aver in passato preso in cura diversi vip.

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

Related post