Aaron Rose, disabile e transgender, diventa il volto di Moschino per la nuova collezione

 Aaron Rose, disabile e transgender, diventa il volto di Moschino per la nuova collezione

Aaron Rose Philip, modella transgender con disabilità, è stata una delle protagoniste dell’ultima New York Fashion Week. Negli ultimi anni il mondo della Moda ha provato con risultati alterni a promuovere valori come la body positivity e l’inclusività, ma il rischio di cadere un nuove etichette è davvero alto. Tanto che in molti casi le modelle e i modelli scelti per portare avanti il messaggio della Maison vengono accolti con molto scetticismo sia da chi non accetta canoni di bellezza non “tradizionali” sia da chi considera queste scelte una semplice trovata pubblicitaria.

Difficile trovare una sola chiave di lettura in questi casi, ma una cosa è certa: Aaron Rose non ha nessuna intenzione di finire in questi discorsi e vuole continuare a stupire.

Originaria di Antigua, Aaron Rose si è trasferita negli Stati Uniti (nel Bronxx) quando aveva appena tre anni. Quando era piccola le è stata diagnosticata una paralisi celebrale che la costringe a muoversi su una sedia a rotelle. Questo tuttavia non è bastato a farla desistere dal voler diventare una modella.

Anzi, guardare le sfilate l’ha convinta a impegnarsi ancora di più nella realizzazione del suo sogno che allora era ancora troppo marcatamente appannaggio di un certo tipo di ragazze.

A 12 anni iniziò a curare un blog su Tumblr, attraverso il quale ha iniziato a raccontare la sua malattia ma anche a parlare delle sue ambizioni. In quel periodo fu notata dall’allora ceo della piattaforma, David Karp, che la invitò a visitare la sede centrale di Tumblr per raccontare la sua storia e della malattia di cui soffre.

A 18 anni Aaron Rose ha fatto coming out e ha iniziato il suo percorso di transizione:

CONTINUA A LEGGERE NELLA PROSSIMA PAGINA

autore02

Related post